Fresatura e usura dei taglienti: qualche consiglio

La fresatura è un’operazione che prevede l’asportazione di trucioli per ottenere pezzi con superfici, interne ed esterne, perfettamente lavorate. La fresa, che costituisce l’elemento principale della fresatrice, è costituita da una serie di punte, che prendono il nome di taglienti, cui spetta il compito di asportare il truciolo durante le fasi di lavorazione.

In generale la durata di macchinari e utensili è influenzata da alcuni parametri variabili come: la velocità del taglio, l’avanzamento, la profondità di passata, il materiale dell’utensile, il materiale in lavorazione, la geometria dell’utensile, l’azione del fluido da taglio (quando presente).

Le fresatrici, le frese e i taglienti, pertanto, necessitano di particolari accortezze per conservare per molto tempo la loro efficienza.

Tipi di usura dei taglienti

I taglienti sono soggetti a sollecitazioni meccaniche e termiche che provocano una forma di usura progressiva e, in alcuni casi, la rottura improvvisa. Ogni utensile ha un tempo di vita utile durante il quale può eseguire, rispettando parametri definiti, determinate operazioni di taglio. Durante la lavorazione, infatti, poiché striscia contro il truciolo e la superficie, il tagliente si usura.

Le principali tipologie di usura sono:

  • per abrasione
  • per diffusione
  • per adesione
  • scheggiatura
  • deformazione plastica

Di conseguenza, i taglienti dopo essere stati usati e sollecitati possono riportare evidenti segni di usura in diverse parti. Molto comune è l’usura sul fianco causata dall’abrasione. Altro segno evidente di usura è la deformazione plastica che deriva dalle temperature elevate e dalle forze di compressione. Ci sono poi: l’usura per intaglio che può essere provocata dalla lavorazione di materiali duri; la microfessurazione termica dovuta alle variazioni di temperatura durante le lavorazioni; la scheggiatura che provoca il distacco di piccoli elementi dalla superficie del tagliente; e, infine, la rottura vera e propria che può avere conseguenze  sull’intero macchinario stesso.

Consigli per una buona conservazione dei taglienti

La stabilità del tagliente è l’elemento fondamentale per la sua buona conservazione, per questo è di grande importanza evitare, quanto più possibile, le vibrazioni dell’utensile durante le lavorazioni di fresatura.

Altra aspetto da prendere in considerazione riguarda la programmazione dell’entrata della fresa nel pezzo da lavorare, la scelta dovrebbe preferire un ingresso graduale rispetto a uno diretto. Allo stesso modo bisogna fare attenzione a come la fresa esce, un’uscita improvvisa potrebbe provocare danni ai taglienti. Infine, per non sovraccaricare i taglienti bisogna calcolare lo spessore massimo del truciolo che un tagliente può produrre.

Come Gruppo Mechnology siamo specializzati in campo meccanico e operiamo utilizzando macchine utensili di qualità cui dedichiamo cure di manutenzione specifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

cancella il moduloInvia